Non avrai segreti di Penelope Ward

settembre 9, 2017
Non avrai segreti di Penelope Ward
Non avrai segreti di Penelope Ward
  • Titolo Originale: Stepbrother Dearest
  • Usa, 2014
  • pag. 230
  • Protagonisti: Elec, Greta
  • Casa editrice: Tre60
  • genere: New Adult, Contemporary Romance
  • Standalone

 

Non dovresti amare l’unica persona che ti da il tormento.

 

Quando il mio fratellastro, Elec, si è trasferito da noi durante il mio ultimo anno alle superiori, non mi aspettavo che fosse così stronzo. Odiavo il fatto che se la prendesse con me perché non voleva restare. Odiavo il fatto che portasse le ragazze del nostro liceo nella sua stanza. Ma la cosa che odiavo di più era il modo in cui il mio corpo reagiva alla sua presenza.

All’inizio, pensavo fosse a causa dei suoi addominali tatuati e scolpiti e il suo viso perfetto. Poi, le cose hanno cominciato a cambiare tra di noi, ed in una notte tutto è precipitato. Veloce come era piombato nella mia vita, così è tornato in California.
Sono passati anni prima che potessi rivedere Elec. Quando una tragedia ha colpito la nostra famiglia, ho dovuto affrontarlo di nuovo. E oh mio dio, il ragazzo che mi aveva fatto impazzire ora era un uomo che mi mandava completamente fuori di testa. Avevo il presentimento che il mio cuore si sarebbe spezzato un’altra volta

 

 

Recensione

 

 

Bellissimo romanzo fino all’80 %, dove purtroppo scende molto di tono.
Trama forse già vista ma certamente ben sviluppata: due fratellastri che si odiano all’inizio, poi si avvicinano, fanno amicizia e infine si amano. Il tutto vissuto come ineluttabile, innegabile, impossibile da evitare.
Poi la separazione che li porta distanti e sofferenti. La vita va avanti per entrambi e li riavvicina solo 7 anni più tardi. Sono ancora gli stessi?

«Sei la cosa più bella che sia mai successa a me. Spero di poter dire, un giorno, che sei stato una delle cose più belle; ma al momento ci sei solo tu.»

Copertina Originale

Copertina Originale

Nutrono ancora la stessa incredibile passione?
Elec è un personaggio stupendo, oscuro e disperato il giusto, bastardo e buono il giusto, divertente a tratti, sincero ogni tanto, un po’ perverso, si dà e si nega come un bad boy deve sempre fare.

Greta è una ragazza dolce, ma non sciocca né remissiva, anche lei sa farsi valere, ama ma ragiona, tanto da ragazzina quanto da adulta. Buoni anche i personaggi di contorno e ottime le ragioni di fondo che causano malintesi e difficoltà. Bellissima la storia d’amore che nasce tra i due da ragazzini, senza nessuna speranza, ma che rinasce ancora più forte quando si ritrovano.

“Non avevo mai avuto problemi con il modo in cui mi guardi. Il problema è il modo in cui mi sento quando mi guardi: emozioni che non dovrei provare, che non posso consentirmi di provare per te. E allo stesso tempo… non c’è niente di più brutto di quando smetti di guardarmi, Greta.”

Tutto buono fino al libro nel libro. Rileggere le stesse scene dal punto di vista di lui è stato noioso e inutile, non ha portato nulla di nuovo alla storia e mi ha deluso. Anche il finale è stato molto al di sotto del resto della storia.

 

 

 

 

Giudizio:


Sensualità:


Violenza: –

 

-Navillus-

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: