Welcome to the Dark Side by Giana Darling

Mag 14, 2018

Welcome to the Dark Side by Giana Darling

 

  • Usa, 2018
  • pag. 400
  • Protagonisti: Louise, Zeus
  • Casa editrice: Inedito
  • genere:

 

Serie The Fallen Men (2)

 

I was a good girl.
I ate my vegetables, volunteered at the local autism centre and sat in the front pew of church every Sunday.
Then, I got cancer.
What the hell kind of reward was that for a boring life well lived?
I was a seventeen-year-old paradigm of virtue and I was tired of it.
So, when I finally ran into the man I’d been writing to since he saved my life as a little girl and he offered to show me the dark side of life before I left it for good, I said yes.
Only, I didn’t know that Zeus Garro was the President of The Fallen MC and when you made a deal with a man who is worse than the devil, there was no going back…

 

 

 

Recensione

 

Oggi è uno di quei giorni in cui vorrei dire tutto ma non esce nulla di buono. Oramai lo sapete come sono fatta, arrivo qui dopo aver terminato un libro e cado in preda ad una diarrea grafico-confessoria che manco durante una seduta di psicoterapia.

Durante la lettura le emozioni per me sono tutto, e io ho adorato questa storia così tanto da non sapere né cosa dire né da dove cominciare. Forse perché spiattellerei tutto, incapace di trattenere i dettagli sugosi che mi sono goduta così tanto?

Tutto questo per parlarvi del mio amato Zeus.
Welcome To The Dark Side è uno di quei libri trovati per caso, maledetto cazzeggio feisbuchiano. Come se non ne avessi abbastanza ad attendermi nel kindle.

Di base mi ha colpito la copertina: un bell’uomo con sguardo stanco, quasi al limite tra il disperato e lo scocciato. Capelli lunghi, selvaggio e sexy. Poi ho letto la trama e lì mi sono definitivamente sciolta. Ho deciso però di leggere il volume precedente, vuoi iniziare una serie dal secondo? Sì, in realtà ho provato a farlo, partendo dal nono volume. Ho dei problemi conclamati, lo so… in ogni caso Lessons in Corruption è stato davvero molto carino e mi sono assaporata le piccole comparse di Zeus.

“Whatcha doin’, kid?”
I froze.
“Just ‘cause you stopped movin’ doesn’t mean I don’t’ see you anymore”

Louise ha sette anni e una domenica mattina, fuori dalla Chiesa, diventa una vittima accidentale di uno scontro tra biker. Zeus, parte attiva nella rivolta, capita la situazione, usa il proprio corpo come scudo per salvare il piccolo angelo biondo che stava per essere ucciso dal fuoco nemico. Il tempo è poco e la scelta è semplice: Zeus decide di sacrificarsi per salvare la bambina.

Entrambi vengono colpiti, una ferita gemella che porteranno per sempre sulla loro pelle, Zeus sul petto e Louise verso la spalla. Lo stesso proiettile li ha attraversati e irrevocabilmente li ha uniti per sempre.

I due finiscono in ospedale e sfortuna vuole che grazie alla ferita e alle complicazioni che ne conseguono, si scopre che Louise ha il cancro. Ma alla piccola e impavida Louise non interessa. Lei pensa solo al suo eroe, l’angelo che l’ha salvata dai brutti ceffi. Perché lei capisce che lui è il suo angelo, suo nonno è il Pastore della Chiesa, e lei certe cose le sa.

“Nah, kid, I’m no angel.”
“That’s too bad. I was thinking you could be my guardian angel or something cool like that.”
He made a weird noise like he was choking. “No, kid, I’m no angel.”
“I thought maybe you were a monster because you’re really big, but you have wings and you saved me from all the bad guys,” I explained.

Qui è partito l’innamoramento atomico. LouLou si presenta a Zeus mentre lui è ancora convalescente e gli si appiccica come una cozza allo scoglio. Zeus per contro cerca in ogni modo di allontanarla, ma il suo istinto paterno è ben forte e non riesce a lasciarla andare. Comincia così uno scambio di lettere tra i due in cui la piccola Louise confessa ogni cosa: desideri, pensieri, paure ad un uomo che non sa bene come reagire. Lui, porello, prova in tutti i modi a mettere un freno all’uragano LouLou, ma inevitabilmente ci ricasca alla lettera seguente. Uno spasso insomma.

Eppure un giorno lo scambio epistolare si ferma per davvero.

Louise ha diciassette anni ora, vive una vita monotona e piatta e cerca sempre di  assecondare ogni richiesta dei genitori. Un giorno però arriva la brutta notizia: il cancro è ritornato. Arrabbiata con la vita, si trasforma in Lou Fox, l’alterego ribelle: che si fottano i suoi genitori bacchettoni, è questo il momento di cominciare a vivere perché il cancro non aspetta.
Ma mentre è ubriaca ad una festa, ecco il rombo di moto tanto sognato nella sua adolescenza. Zeus è tornato a salvarla, deciso però a sparire ancora. Perché i Mostri Guardiani controllano da lontano e sono pronti ad uscire dalle tenebre quando serve.

Ora, immaginatevi una ragazzina che si è trasformata in una donna, piena di ormoni  e follemente innamorata del suo Guardian Monster. Una piccola donna che ha ritrovato il suo amore, coltivato sin da quando era una pulce. Ci troviamo quindi di fronte ad una bomba ad orologeria, carnalità ambulante e sessualità che sprizza da ogni dannato poro. E questo povero uomo, anche se non lo sa, non ha scampo. Perché lei ora è pronta a tutto pur di ottenere l’unica cosa che vuole dalla vita: Zeus.  Ma lui a stravolgere la sua per lei? Alla fine Lou è nel suo cuore da sempre…  E ora che l’ha compreso, so’ cazzi per tutti.

“If I have to kill every motherfuckin’ man on this goddamn planet to be with you, Lou, you better believe that I fuckin’ will and I’ll do it with a fuckin’ smile.”

 

Giana Darling, grazie.

 

Giudizio:

Sensualità:


Violenza:

♦ Cherry ♦

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: