The Free di K Webster

Usa: 2020

Pagine: 348

Protagonisti: Atticus, Eve

Genere: Erotico, Forbidden Romance

Serie The Wild #2

Data di Uscita: 6 marzo 2020

The Free di K Webster

He took me from the wilderness. I was all alone and death was near. His plan was to heal me and then let me go. A reprieve from my harsh reality.

Food. Warmth. Safety. Just us.
It’s temporary and one day I’ll be forced to go home.
But I don’t I want to go back. I want him to keep me. To tame and love me.

Freeing the wild comes with grave consequences. He thinks they’ll cage him for being with me.

Our love’s not right. They won’t understand it.
Forbidden. Immoral. Perverse. Vile.

I don’t care what they think. It should only matter to us. We are innocent and beautiful and worthy.

Love is wild. And we’re going to set it free.

Mi ha portata via da un ambiente selvaggio. Ero completamente sola e la morte era vicina. Il suo piano era di guarirmi e poi lasciarmi andare. Una tregua dalla mia dura realtà.
Cibo. Calore. Sicurezza. Solo noi.
È temporaneo e un giorno sarò costretta a tornare a casa.
Ma io non voglio tornare indietro. Voglio che lui mi tenga. Per addomesticarmi e amarmi.
Liberare la natura comporta gravi conseguenze. lui pensa che lo cattureranno per il fatto di essere con me.
Il nostro amore è sbagliato. Loro non capiranno.
Proibito. Immorale. Perverso. Vile.
Non mi interessa cosa pensano. Dovrebbe importare solo a noi. Siamo innocenti, belli e degni.
L’amore è selvaggio E noi stiamo per liberarlo.

The Free è il seguito di The Wild, il libro super forbidden della Webster. Mentre nel primo volume l’autrice si è salvata in calcio d’angolo – se poi volessimo cercare il pelo nell’uovo dovremmo tirare fuori i forconi anyway – in questo, soprassedere, può risultare più difficile.

Il dato di fatto è che non ho mai perso attenzione nella lettura. Positivo, no? Eppure mi frulla nello stomaco qualcosa… ci sono stati dei dettagli che hanno disturbato parecchio le mie emozioni.

Quindi in soldoni, mi è piaciuto o non mi è piaciuto?

Mhhh.

“The Wild burns in her veins. She’s untamed.
The child doesn’t fit in the world we know. Once she’s healed, you need to free her.”

Eve è figlia della natura. Nata e cresciuta nei boschi dell’Alaska, tutto ciò che conosce è legato alla sopravvivenza. L’attacco di un orso la spinge a cercare aiuto da Reed e Devon. Lì però, incontra Atticus che decide di prendersene cura costringendola ad uscire dalla sua comfort zone per affidarsi totalmente a lui.

“She’s so small and tiny. No match against the harsh wilderness.
But she’s fierce and has claws. Her spine is made of steel and her heart is an inferno.”

Atticus invece non si è reso conto della portata dei guai in cui si è cacciato aprendo le porte della sua casa, e del suo cuore, ad Eve.

La convivenza forzata è tutto fuorché facile. Eve è una creatura totalmente selvatica, per nulla istruita, cresciuta nella non conoscenza più assoluta.

È una ragazzina denutrita, sporca, apparentemente fragile, ma ferocissima sotto attacco. Come una giovane primitiva teletrasportata ai giorni nostri e come una donna che da un uomo come Atticus si aspetta le peggiori nefandezze.

“Are you going to mount me?”

Sì, come gli animali. Perché Eve è stata cresciuta da bestie, e questo termine generico non indica gli animali, bensì è un dispregiativo attribuito agli uomini.

Eppure non temete, anche se Atticus è frutto della mente della Webster, abbiamo a che fare con un uomo gentile, ma pur sempre uomo.

Perché nella natura più incontaminata ed ostile, con una creatura senza tempo che incarna la pura essenza silvestre, il richiamo è troppo forte… soprattutto se la caccia è aperta e gli istinti prendono il sopravvento.

“She’s wild and I want to be wild with her.”

Aspettatevi di tutto da questa lettura. Se il prologo è un calcio nei denti, ad un certo punto vi si gireranno le viscere. Eppure questa è la Webster, una creatura totalmente wild, che si sente free di sconvolgerci l’esistenza.

Quindi è un sì? Decisamente.

Be strong and fiery and brave!

Giudizio:

Classificazione: 4 su 5.

Sensualità:

Violenza:

Cherry

Author: Cherry

Rispondi