The Aristocrats di Daria Torresan, Brunilda Begaj

The Aristocrats di Daria Torresan, Brunilda Begaj

Italia: 2019

Pagine: 390

Protagonisti: Rozaf, Rezart, Roel e Ramil

Kendra, Keleste, Kristel e Kleisa.

Genere: Dark Romance

Casa Editrice: Self

Data di Uscita: 30 Luglio 2019

The Aristocrats di Daria Torresan, Brunilda Begaj

DUE FAMIGLIE. DUE REGNI. IL TERRITORIO DEGLI UNI NON È MAI STATO CALPESTABILE DALLE SUOLE DEGLI ALTRI. TRE FIGLI, LORO. TRE FIGLIE, NOI. TUTTI CRESCIUTI CON UN’UNICA REGOLA: FARSI LA GUERRA”

Ricchi, potenti e di una bellezza quasi eterea, i fratelli Doko sono “I signori dell’est-Europa”. Arroganti, pericolosi e disonesti fino al midollo, non provano pietà, non rispettano le regole e l’unica legge che conoscono è la loro.
La sola parola che conta è la loro.
Tutti li temono, tutti chinano il capo al loro cospetto.

Tranne le sorelle Norik, discendenti dirette della donna più autorevole e rispettata nell’Europa orientale, nonostante il passato per nulla glorioso. Il loro cognome è sinonimo di potere e protezione. Per loro la legge è al di sopra di tutto, non giocano sporco, non ne hanno bisogno. Ma il loro rispetto va guadagnato e i Doko l’hanno perduto da tempo.
C’è un confine invalicabile tra le terre degli uni e delle altre.

Due famiglie, due imperi in lotta da sempre per la supremazia. Ma la loro battaglia rischia di portare alla luce troppi segreti. Quanto a lungo possono i protagonisti di questa faida farsi carico dell’antico odio che li separa? Quanto, prima che gli istinti carnali sfocino in una passione travolgente?

Perché davanti a un sentimento come l’amore, il cognome che porti non conta nulla.

Ora che ho portato il mio deretano al mare, finalmente ho tutto il tempo del mondo per sfondarmi di libri, e la lettura di cui vi parlo oggi  è The Aristocrats.

Oh mio dio che puttanaio! (Passatemi il termine please, sono in ferie.)

Innanzitutto devo sottolineare che la copertina mi ha stuzzicato di brutto le ovaie. Che ci devo fare, sono sensibile…E poi niente, perdonatemi anche per questa caduta di stile, ma me li sarei bombati tutti.

#Ops!

Devo dire che ci ho messo una vita a distinguere i personaggi: da una parte la famiglia R, i Doko, con Rozaf, Rezart, Roel e Ramil.

Dall’altra la famiglia K, le Norik: Kendra, Keleste, Kristel e Kleisa.

Il succo del discorso è che si odiano tutti quindi preparatevi a una guerra senza pietà, dove non c’è perdono per nessuno. Sarete rimbalzati da un POV all’altro, sguazzerete tra le regole della mafia albanese e ad un certo punto vi sembrerà di essere finiti persino in Beautiful.

“C’erano troppi segreti di cui non ero a conoscenza, troppi sentimenti nascosti sotto finti sorrisi e sguardi di gelo. Più passava il tempo, nonostante fossero a malapena due giorni che ero arrivata, più mi convincevo di conoscere solo un millesimo di ciò che si celava sotto tutto quell’odio.”

Tutto questo però riassume un libro che mi ha tenuta incollata al Kindle,  nonostante i suoi difetti. Perché siamo onesti, le autrici hanno messo talmente tanta carne al fuoco da bastare per tre interi libri, per poi lasciare un po’ al sentimento lo svolgimento di tutto.

Non mi sto lamentando, anzi. Ma se non fosse stato per il carisma dei Doko e per la cazzutaggine delle Norik, avrei avuto seri problemi a digerire la vicenda.

Sempre perché parliamo di situazioni al limite del reale. Dopo un po’ tutto sto potere, questa perfezione e questa cattiveria gratuita tramandata dai genitori, può stancare.

Potevano anche fingere di odiarsi, imbrogliandosi l’un l’altra, ma io lo vedevo che, se avessero concesso alla loro passione di esplodere, di loro non sarebbe rimasta che cenere.

E invece mi sono divertita, arrabbiata, ho gioito e mi sono pure emozionata. Che volere di più da un libro?

Ah, mi sono anche presa una cotta per Rezart… e pure per papà Rozaf. Sono senza vergogna, insomma.

Per tirare le somme vi comunico insomma che il mio giudizio è più che positivo. E se questo è l’andazzo delle mie vacanze… piatto ricco, mi ci ficco!

Alla prossima!

Giudizio:

Sensualità:

Violenza:

Cherry

Author: Cherry

Rispondi