Slammer by Tabatha Vargo

ottobre 28, 2017


Slammer by Tabatha Vargo
  • USA, 2015
  • pag.248
  • Protagonisti: Christopher, Lyla
  • Genere: Dark Romance

 

“Evil radiated from him, even though he had a face that was obviously chiseled by angels.”

 

The last place Christopher Jacobs, aka X, thought he’d find himself was behind bars. Ten years later, the boy he used to be is gone. In his place is the shell of a man with murder under his belt. Any emotion he once had was left under the gavel when he was given life in prison. That is until the new nurse in the infirmary joins the block.

Putting your hands on a prison employee will get you the hole, but some things are worth their punishment, and something tells him Lyla will be worth more than he bargained for.

Lyla Evans isn’t sure about her new job at a maximum security prison, but showing uncertainty and weakness isn’t an option. Taking care of murderers and rapists isn’t ideal, but survival is key. She’s warned ahead of time about a prisoner named X, but when she’s attacked, it’s the dangerous X that saves her. Fraternizing with the prisoners is forbidden, but sometimes the most forbidden things are the sweetest.

 

(Le sbarre erano l’ultimo posto in cui Christopher Jacobs, chiamato anche X, avrebbe mai pensato di finire. Dieci anni più tardi, il ragazzo che era solito essere, è sparito. Al suo posto c’è il guscio di un uomo con un omicido alle spalle. Ogni emozione che provava è finita con il suono del martelletto nel momento in cui gli è stato dato l’ergastolo. Fino a quando non arriva un’infermiera.
Mettere le mani addosso ad un’impiegata della prigione ti porterà alla forca, ma alcune cose valgono bene una punizione, e qualcosa gli dice che Lyla è più che degna di lui.
Lyla Evans è incerta riguardo al suo nuovo lavoro presso il carcere di massima sicurezza, ma mostrare indecisione e debolezza non è un’opzione. Prendersi cura di assassini e stupratori non è l’ideale, ma la chiave è sopravvivere. È stata messa in guardia da subito nei confronti di un prigioniero di nome X, ma quando viene aggredita, è il pericoloso X che la salva. Fraternizzare con i prigionieri è vietato, ma talvolta, più una cosa è proibita più è dolce.)

 

Recensione

 

 

Dopo tanti Dark Romance, trovare quello diverso che colpisce e che differisce dalla massa è un po’ un terno al lotto.
Durante la lettura avevo il sentore che si potesse cadere nello scontato, il galeotto figo e pericoloso e la crocerossina candida ed ingenua che si innamorano e lei che salva il mondo. Na palla insomma. Per gran parte del libro ho pregato in un colpo di scena, qualcosa che mi dicesse “leggimi perché valgo” e finalmente è arrivato.
Posso dire di aver letto quindi un libro con personaggi e situazioni già viste che però ha tirato fuori quel particolare che mi ha fatto dire #FuckYeah. Perché io sono da pelle d’oca, da brividi e botte di caldo improvvise, da adrenalina letteraria e occhi sbarrati da gufo fino alle tre di notte, se necessario per terminarlo. E Slammer, alla fine, mi ha dato quello che cercavo.
La struttura del libro è abbastanza semplice. Abbiamo due protagonisti e due punti di vista alternati con qualche ricordo del passato.
Christopher Jacobs ha un’amnesia fortissima. Non ricorda cos’ha fatto ma sa di essersi svegliato imbrattato del sangue della sua fidanzata e del migliore amico di lei. Le sue impronte sono sull’arma del delitto ma Christopher non ricorda nulla. Purtroppo non ci sono elementi che possano far vacillare il verdetto della giuria e di conseguenza viene condannato. A distanza di anni dalla vicenda, Christopher, all’interno del carcere, diventa X.
X è pericoloso, non si scherza con lui. È un cane sciolto, non ha branco. È solo e da solo vince ogni sua battaglia e alla fine di essa, una nuova X compare sul muro della sua cella.

Lyla Evans è una giovane infermiera. Le ristrettezze economiche a volte fanno compiere delle scelte poco sagge e quando trova l’annuncio di ricerca di personale da parte del carcere con una paga più che ottima, il tentennamento dato dal luogo in cui dovrà passare gran parte delle sue giornate non si fa sentire. Lei vuole quel lavoro, le serve proprio.
Certo, avere a che fare con la feccia della società non è confortante.

Alla fine si tratta di un lavoro ad alto rischio, nonostante la presenza costante di guardie, eLyla dovrà confrontarsi e prendersi cura dei criminali. Però è fiduciosa, ha tutte le competenze per poter svolgere il lavoro. Purtroppo è fin troppo equipaggiata esternamente per questo tipo di mestiere.

“She was too pretty. Looked too sweet for such a sour place. She didn’t belong there, and I was sure she knew that.”

Inutile dire che i due sono destinati ad incontrarsi e a scontrarsi spesso nel corso del tempo.

“Evil radiated from him, even though he had a face that was obviously chiseled by angels.”

X è sempre in mezzo alle risse. Ma lo fa per sopravvivenza o perché esser ricucito dall’infermiera Lyla, farsi toccare e desiderare finalmente da una donna, conoscerla e diventare intimo con lei lo fa sentire ancora uomo e non più bestia?
Tra i due nasce del tenero. Lyla è a rischio in questo ambiente e X si assicura che sia sana e salva. Però non sempre le cose vanno come pianificato.

Tra alti e bassi Lyla scopre la storia di X e si convince sempre di più che una persona come lui non possa aver compiuto quel massacro. Perché Christopher, sotto a tutti quei muscoli, ha un cuore d’oro e le emozioni che le fa provare non mentono.
Ma siamo sicuri che non ci sia altro sotto?
Per un libro così semplice nella trama, il finale è come un’esplosione nella quiete più pura.
Una svolta inaspettata, un dettaglio usato con cura come un’arma che mi ha lasciata senza parole.

 

Giudizio:


Sensualità:


Violenza:

 

♦ Cherry ♦

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: