L’istante esatto che lega due destini di Angélique Barberat

ottobre 13, 2017
L'istante esatto che lega due destini di Angélique Barberat

L'istante esatto che lega due destini di Angélique Barberat

 

  • Titolo Originale: L’instant précis où les destins s’entremêlent
  • Usa, 2014
  • pag. 427
  • Protagonisti: Kyle, Coryn 
  • Casa editrice: Sperling & Kupfer
  • genere: New Adult, Contemporary Romance
  • Standalone

“Certe cose rimangono saldamente immutate e al loro posto. Per quanto Coryn fantasticasse sulla possibilità di parlare a sua madre, di ricevere comprensione adesso aveva la certezza che che il tempo e la distanza sono solo dei traditori. Deformano i ricordi. La realtà rimane tale e quale.”

 

Basta un istante per cambiare il corso del destino: un fuoriprogramma, un contrattempo. Un semplice sguardo tra un uomo e una donna. Kyle e Coryn appartengono a due mondi lontani, due orbite che mai avrebbero potuto incontrarsi. Lui è una giovane rockstar, sempre in giro per il mondo; lei è prigioniera del suo ruolo di moglie e madre in una gabbia dorata, sottomessa a un marito geloso che la considera al pari di uno dei suoi tanti oggetti di lusso, da sfoggiare e possedere. Un giorno, mentre è bloccato nel traffico di San Francisco, Kyle decide di cambiare strada.

Una brusca sterzata, un incidente. E l’incontro con Coryn: ai due, è sufficiente uno sguardo per innamorarsi, un altro sguardo per riconoscersi. Perché Kyle sa leggere la paura negli occhi della donna, la stessa paura che, da bambino, vedeva negli occhi di sua madre, e che lo ha reso incapace di provare felicità. Da quel momento, amare Coryn e desiderare di salvarla sono la stessa cosa.

E anche se a dividerli ci sono ostacoli insormontabili, i loro destini adesso sono legati per sempre: soltanto insieme potranno guarire le ferite che si portano dentro e tornare finalmente a vivere.

 

 

Recensione

 

“Vorrei risalire all’istante esatto che lega i destini”

dice la madre di Kyle, mentre il bimbo, di soli cinque anni, la osserva con gli occhiali da sole in casa. Ed è passato solo poco tempo quando una mattina la trova morta, in casa, nel suo letto, con la testa fracassata. Kyle cerca il pronto soccorso per telefono, senza ancora nemmeno saper pronunciare il proprio indirizzo.
Questo bambino, sensibilissimo e bellissimo, cresce in fretta, con la passione che aveva la sua mamma per la musica e la capacità di riconoscere la sofferenza, la bellezza di un cuore tormentato, di un’anima ferita.
Kyle diventa una rockstar famosa, le sue canzoni fanno il giro del mondo e le donne si sdraiano a tappeto ai suoi piedi. Impensabile che qualcuno possa incontrarlo e non riconoscerlo. Eppure è proprio ciò che avviene quando Kyle conosce Coryn, una donna più grande di lui, madre di due bambini, con una paura addosso di suo marito che il musicista riconosce subito.
Innamorarsi di lei, e lei di lui, sarà semplicissimo, come bere dalla stessa fonte che è poi bisogno di dolcezza. Amarsi è però impossibile, con un marito violento che mai concederà il divorzio alla madre dei suoi figli.
Costruirsi una vita nuova, scappare con un nuovo nome, tagliare i ponti con tutti è l’unica soluzione per Coryn. Amarla in segreto e promettere di non cercarla mai più, quella di Kyle.
Ed è per entrambi una condanna di infelicità, finchè…
Ho pianto diverse volte leggendo questo libro. La condizione delle donne abusate in ogni modo possibile, con bambini ignari, costretti ad assistere impotenti, è una cosa che mi fa sempre male e mi indigna nel modo più profondo. E odio pure il fatto che due poveretti, destinati a stare insieme, non possano farlo per tutta una serie di ragioni più o meno valide.
Eppure questo libro mi è rimasto nel cuore. L’ho letto più di due anni fa, ma ne ricordo brani interi e riesco a “vederne” alcune scene come se fosse un film. La dolcezza e la tenacia di Kyle, il suo desiderio di ricongiungersi a Coryn, prima o poi, il suo grande amore per bambini non suoi, la sua paura di avere una qualche somiglianza con il proprio padre-bastardo, attraverso il sangue ereditato. La sua musica e i suoi testi, la sua chitarra. I suoi capelli e la sua voce. Kyle non si dimentica.
Un personaggio così ti entra sotto la pelle. E quando succede, non è mai un romanzo da poco.
Grazie Angelique Barberat, per questo malinconico uomo di carta, e per questa bellissima storia che non dimenticherò mai.

 

Voto:


Sensualità:


Violenza:

 

– Navillus-

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: