L’inizio del gioco di Sophie Jordan

gennaio 16, 2018



L'inizio del gioco di Sophie Jordan

  • Titolo Originale: Foreplay
  • Usa, 2013
  • pag. 304
  • Protagonisti: Pepper, Reece, Hunter 
  • Casa editrice: Newton Compton 
  • genere: New Adult, Contemporary Romance

 

Serie The Ivy Chronicles (1)

Pepper è da sempre innamorata del fratello della sua migliore amica. Hunter è l’uomo perfetto, la chiave per ottenere tutto ciò che lei ha sempre desiderato: sicurezza, stabilità, una famiglia. Ma Pepper deve fare in modo che Hunter si accorga di lei, che smetta di vederla solo come “l’amica di sua sorella” e che inizi a considerarla una vera donna.

Certo lei non può contare su una grande esperienza in fatto di uomini, ma ha intenzione di rimediare con l’aiuto di qualcuno che sa il fatto suo. E le sue compagne di università sembrano avere il candidato ideale, ma il barman Reece, pur essendo fantastico, è anche pericoloso, profondo, con un passato tormentato.

Presto le “lezioni di seduzione” iniziano a sconvolgere le vite di entrambi, perché nessuno sa cosa può succedere quando si superano i preliminari e si fa sul serio…

 

 

Recensione

 

“Dio”. Alzai le dita alla fronte e strofinai al centro, dove si stava formando un dolore sordo.
Mi battè la schiena. “Lo so. È dura fare la ragazza che esce davvero dal suo dormitorio e parla a dei ragazzi sexy”.

Pepper è una diciannovenne con un passato brutto e triste. Abbandonata dalla madre sulla soglia della casa di cura dove alloggiava la nonna, è stata cresciuta da anziani e infermieri e spesso questo ha scatenato a scuola atti di bullismo nei suoi confronti, o in ogni caso allontanamento e solitudine.
Un giorno però avviene un vero e proprio miracolo: Hunter, il più figo e popolare della scuola, le rivolge la parola e da qui la sua vita cambia. Lila, la sorella di Hunter, diventa la sua migliore amica e poco dopo viene addirittura accolta dalla famiglia Montgomery come una vera e propria figlia.

Hunter rappresenta per Pepper l’amore perfetto, totale. Una persona buona, gentile, intelligente e stabile. Si vede sposata con lui, due bimbi meravigliosi, sole-cuore-amore. Una vita alla mulino bianco, insomma. Una vita che lei non ha mai sperimentato, ma che muore dalla voglia di assaporare. Il fatto è che Hunter invece è già fidanzato e lui vede Pepper solo come una sorellina minore. Ma quando Hunter torna single, lei coglie subito la palla al balzo.

Purtroppo però non ha esperienza  in campo amoroso e per lui vorrebbe invece essere pronta, intrigarlo, stregarlo, ammaliarlo. Vorrebbe sapere cosa fare pur di non lasciarselo sfuggire. Non vuole più essere la Pepper che non sa baciare.
Allora si affida alle sue amiche, Emerson e Georgia, che insieme la fanno uscire fuori dal guscio e la spingono tra le braccia del famoso barista del Mulvaney, noto per la sua abilità come amante. Reece, il famoso barman, deve essere solo un metodo d’apprendimento senza legame affettivo, un insegnante usa e getta. Il mezzo per raggiungere il fine. Però Pepper ha sottovalutato la potenza dei preliminari… riuscirà a rimanere indifferente e a non sconvolgere il suo piano d’amore?

“Le ragazze adesso ridacchiavano come due dodicenni sceme. E lo mangiavano con gli occhi. Mi sentii come se mi avessero tirato un pugno a tradimento nello stomaco. Il mio salvatore. Il mio barista. Il puttanone del Mulvaney. Una sola persona.”

Un romanzo divertente, veloce e che fa sorridere il cuore. Consigliatissimo!

 

Giudizio


Sensualità:


Violenza:

♦ Cherry ♦

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: