Leonard di Naike Ror

giugno 12, 2018

 

Leonard di Naike Ror

 

  • Italia, 2018
  • pag. 242
  • Protagonisti: Leonard, Bloom
  • Casa editrice: Self
  • genere: Contemporary Romance

Serie No One Likes Us (5) spin off

 

Leonard Brown ha un lavoro che lo soddisfa, amici fidati e una passione smodata per le storie di una notte.
Quando tutto sembra andare per il meglio, scopre di essere pedina involontaria di un piano di licenziamenti mirati, rischia di perdere l’appartamento in cui vive e torna nella sua vita l’unica ragazza in grado di mettere in discussione ogni cosa: Bloom Williams.

Siamo come quei grandi massi in bilico sul ciglio di un burrone. Precari da sempre, non sappiamo per quale strana ragione questo equilibrio regga.

La storia di Leonard segna l’ultimo capitolo dedicato alla famiglia allargata Brown-Cameron. E un po’ ci dispiace lasciarli andare, perché dopo così tante pagine e vicissitudini li sentivamo un po’ come la nostra famiglia, ma anche l’ultimo uccellino doveva prima o poi imparare a volare e lasciare il nido.

Leonard è infatti il più piccolo di casa Brown, fratello di Liam, Lucas e altre due sorelle. Scavezzacollo e per niente colto, entra a lavorare per l’azienda di Melanie e Victor-ScopaNel Deretano (perdonatemi l’espressione ma gli calza a pennello) e si adatta abbastanza in fretta, vista pure la naturale intesa che si crea tra lui e il fratellino di ScopaIn…, Antony.

Tra intrighi familiari e aziendali, la tensione tipica dell’ufficio di Victor VestePrada viene diluita e diventa gradevole, creando momenti esilaranti di prese in giro quasi amorevoli tra fratelli, con quello spirito bonario e canzonatorio di chi si conosce bene, pregi e difetti, e non per questo si ama meno.

Il difetto maggiore del fratello Liam? Sua moglie Melanie, con cui ha un difficile rapporto fatto di intesa sessuale ma poca comprensione e reciproca pazienza…

Ma qual è il difetto peggiore di Leonard? …be’, Bloom.

Bloom è l’amica d’infanzia, quella con cui Leonard correva in bicicletta a 6/8 anni, quella con cui ha conosciuto l’umido calore di un bacio, e…un altro umido calore ancora più gradevole.

Ma Bloom chi è davvero? Una ragazza che sogna tutti i colori dell’arcobaleno sulla coda di un unicorno e non si arrende mai, a cui la vita uguale e sicura viene a noia dopo breve, e per questo sceglie sempre di scappare via, come una globetrotter, o come Peter Pan, alla ricerca di chissà cosa, salvo finire sempre nei guai e tornare a casa con la coda tra le gambe, in cerca di aiuto.

E a casa ad aiutarla, chi ci sarà mai? Sempre Leonard, che in realtà vorrebbe scappare anche lui, ma tenendosi stretta la sua Bloom…

Quando ciò di cui hai bisogno passerà in secondo piano rispetto ai bisogni della persona che ami, allora saprai di essere davvero innamorata. Saprai che l’amore che provi è sincero e puro.

Una storia di quelle senza via d’uscita, in cui i protagonisti camminano su binari paralleli e solo un terremoto può azionare lo scambio e farli incontrare. E quel terremoto è la vita, quella che non guarda in faccia nessuno, ma crea problemi su problemi finché non cresci e impari a tenere stretto ciò che ami di più e…lasciare andare il resto.

Ma questi sono due testoni e ce ne vorrà perché capiscano cosa è più importante, e soprattutto come dirlo e dimostrarlo…

Brava la Ror come sempre, a creare un intreccio accattivante che ti incolla alle pagine per sapere cosa succederà a Leonard, dove andrà Bloom, cosa sarà di Liam e Melanie, quali siano davvero i piani di Victor… Tutta una serie nutrita di vicende e di personaggi già incontrati e no, a cui non si riesce a fare a meno di affezionarsi.

Lo stile di quest’autrice non è particolarmente ricercato né sempre perfetto, ma ha la forza del racconto popolare, quello in cui una  lettrice si riflette e parteggia con il cuore per i vari personaggi.

Ho amato Leonard forse più ancora di Victor, sicuramente Bloom e moltissimo Joy, la piccola sorellina di Emma.

Grande come sempre! E’ un piacere costante leggere Naike Ror.

-Una volta che avrò deciso dove andare, tu verrai con me?

-Magari scopri che meglio di partire c’è solo restare…

 

Giudizio:

Sensualità:

Violenza: /

Navillus

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: