La regola dell’amico di Kristen Callihan

Mar 3, 2018

La regola dell’amico di Kristen Callihan

  • Titolo Originale: The Friend Zone
  • Usa, 2015
  • pag. 309
  • Protagonisti: Gray, Ivy
  • Casa editrice: Always Publishing
  • genere: New Adult,  Sport Romance

Serie Game On (2)

UNICA REGOLA, CON UN AMICO… MAI!

Gray non fa amicizia con le donne. Ci fa solo sesso.

La super star del football Gray Grayson ha sempre avuto ben chiaro come vivere la propria vita: godersi ogni momento come fosse l’ultimo. È quello che ha sempre fatto con il football, le amicizie e la schiera di donne prostrate ai suoi piedi. Ma uno scambio di SMS con la figlia del suo agente, complice una cinquecento del colore di una gomma da masticare, sta per scombussolare la sua visione delle cose. Prima che se ne accorga, Ivy Mackenzie diventa la sua migliore amica a distanza, l’unica persona con cui abbia voglia di parlare. Ma quando per la prima volta si ritrovano uno di fronte all’altra, tutto si complica. Ivy diventa il suo unico pensiero.

Ivy non fa sesso con gli amici.

Soprattutto non con un certo giocatore di football e con un cliente di suo padre. Questa è la sua regola d’oro, non importa quanto sia attratta da Gray. Il suo nuovo migliore amico è irriverente, puro fascino e sensualità, ed è completamente off-limits. Ma è sempre più difficile mantenere le distanze, in particolare ora che Gray sta sfoderando tutte le sue armi per sedurla. Il suo migliore amico si sta velocemente trasformando nel ragazzo più irresistibile che abbia mai conosciuto. Un esperto giocatore come Gray metterà in campo tutte le sue abilità, ma riuscirà a sconfiggere la temuta regola dell’amico e vincere il cuore di Ivy?

Tutto è lecito in amicizia e nel football, inizia la partita!

Amo il football. Perchè quando sono là fuori a fare quello che so fare meglio, mi dimentico di tutto. E’ il mio gioco e lo domino. E’  il controllo contro il caos. Come con la matematica. Ci sono regole, confini, numeri. Schemi da seguire. Mi dà gioia.

E tu ne dai a noi, caro Gray.

A-do-ra-bi-le. Tutto in questo romance lo è.

A partire da Gray, soprattutto Gray, il ragazzone protagonista che con la stessa facilità con cui segna incredibili touchdown per la sua squadra di football, i Red Dogs, arrossisce, parla, si arrabbia, corre, ama, si commuove. E’ sexy e tuttavia è anche nerd. Adora il football e la matematica. Tutto al massimo, come è giusto fare alla sua giovane età, che però non è già più l’infanzia.

Evviva i maschioni che sanno arrossire e ammettere di sembrare patetici. Senza perdere un solo briciolino del loro fascino. Perché Gray riesce sempre a mantenere costante la sua capacità di arraparci, convincerci, innamorarci. Uno dei più riusciti protagonisti new adult degli ultimi tempi.

E così conosciamo il miglior amico di Drew, che era il protagonista del precedente della serie, La partita vincente, e se già Drew mi aveva irretito con la sua intelligenza e il suo fascino, qui Gray mi ha proprio steso sotto le ruote del suo bolide: un macinino rosa. Sì, avete capito bene, una piccola Fiat Cinquecento che usa in prestito per qualche tempo,finchè il proprio furgone non sarà aggiustato.

Ma quel macinino in cui deve guidare arrotolato su se stesso, vista la sua altezza di quasi due metri, appartiene alla figlia del suo agente sportivo, una certa Ivy Mackenzie, la quale inizia a messaggiare con lui di trattare bene la sua macchina perchè altrimenti gli farà personalmente il culo a strisce. E quello che nasce come un battibecco divertente, si trasforma in una bellissima amicizia.

Vivi la vita alle tue condizioni. E se qualcuno ti giudica in base ai beni materiali, è un suo problema.

Ivy vive a Londra, mentre Gray in California, dunque solo amicizia, nessun problema, nessuna tentazione, nessuna interferenza, nessun pericolo. I due sono aperti, spontanei, sinceri, brillanti. Un’intesa perfetta.

-Stai attaccato al cellulare come se fosse diventato il tuo secondo uccello.

-Non vedo che problema c’è. Due uccelli, doppio divertimento.

Poi gli equilibri si rompono. Ivy arriva in America e mantenere quell’intesa sul piano dell’amicizia diventa maledettamente difficile, quasi impossibile… Lui vorrebbe di più ma teme di perderla. Lei vorrebbe di più ma teme che sia la mossa sbagliata.

Lei è mia amica. Non voglio perderla.

Un mondo senza Ivy sarebbe come un mondo senza sole: freddo, buio, privo di gravità.

-Forse una volta sarà abbastanza.

-Non funziona mai. E mi ritroverò senza la mia vera amica solo perché non sono capace di tenermi il pisello nei pantaloni.

Gli alcolisti non bevono un ultimo drink. I drogati non si fanno un’ultima dose. Perché una sola volta non è mai abbastanza. Non quando è l’unica cosa che bramano.

Intorno a loro si muovono una decina almeno di personaggi secondari assolutamente memorabili: gli amici Drew e Anna, gli altri compagni di squadra di Gray (ricordate Dex, tenete a mente questo nome…) il papà di Ivy, un po’ dispotico e bacchettone, ma comprensibile, la sorella di Ivy, Fiona, una stronzetta che però le vuole molto bene e per questo la perdoniamo… E perfino il papà di Gray, una persona negativa che però al momento giusto saprà dire la parola giusta.

Il fatto che una singola persona abbia così tanto potere sulla mia felicità mi spaventa da pazzi. So quanto fragile possa essere la vita: qui oggi, polvere domani. Ma solo un folle taglia via la sua unica ancora di sicurezza.

Ho davvero faticato a scegliere gli estratti per questa recensione, ne avevo salvati così tanti da bastarmi per altri tre libri. Ma è quello che succede quando un’autrice riesce a raccontare una storia semplice senza troppi drammi, spesso strappandoti una risata, ma facendo “pensare” i propri personaggi fino a tirar fuori profonde verità.

Un libro sull’amicizia, la forza dell’amore, il valore della famiglia, la carica dello sport a livello agonistico. E le difficoltà da superare insieme.

Non possiamo controllare le cose brutte, ma possiamo esserci l’uno per l’altra quando accadono. Così vale la pena di ogni cosa, se potrò condividere le cose belle con te.

Leggete la storia di Ivy e Gray, li amerete come me. Ogni centimetro.

E adesso mi metterò buona buona ad aspettare la storia di Dex, a cui sarà dedicato il terzo libro della serie…

-Questo non è football. Quello è facile. L’amicizia è facile. Ma le relazioni? Non è gioco per me.

Benvenuto,Dex!!

Giudizio

Sensualità

Violenza /

Navillus

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: