La coppia perfetta di BA Paris

novembre 10, 2017


La coppia perfetta di BA Paris

 

  • Titolo Originale: Behind Closed Doors
  • Inghilterra, 2016
  • pag. 337
  • Editore: Nord
  • Personaggi: Grace, Jack
  • Genere: Thriller
  • Standalone

Jack e Grace sono la coppia perfetta… o la bugia perfetta?

 

Chiunque avesse l’occasione di conoscere Jack e Grace Angel penserebbe che sono la coppia perfetta. Lui un avvocato di successo, affascinante, spiritoso. Lei una donna elegante e una padrona di casa impeccabile. Chiunque allora vorrebbe conoscere meglio Grace, diventare sua amica, scoprendo però che è quasi impossibile anche solo prendere un caffè con lei: non ha un cellulare né un indirizzo email, e comunque non esce mai senza Jack al proprio fianco.

Chiunque penserebbe che in fondo è il classico comportamento degli sposi novelli, che non vogliono passare nemmeno un minuto separati. Eppure, alla fine, qualcuno potrebbe sospettare che ci sia qualcosa di strano nel rapporto fra Grace e Jack. E chiedersi per esempio perché, subito dopo il matrimonio, Grace ha lasciato un ottimo lavoro sebbene ancora non abbia figli, perché non risponde mai nemmeno al telefono di casa, perché ci sono delle sbarre alle finestre della camera da letto.

E a quel qualcuno potrebbe venire il dubbio che, forse, la coppia perfetta in realtà è la bugia perfetta…

Con oltre 600.000 copie vendute in soli cinque mesi dall’uscita in libreria, La coppia perfetta è uno degli esordi più travolgenti dell’anno in Inghilterra. Grazie al ritmo serrato e alla straordinaria efficacia nello svelare i segreti oscuri di un matrimonio, ha entusiasmato sia i lettori sia gli editori di tutto il mondo, che si sono contesi i diritti di pubblicazione in aste agguerrite. Attualmente è in corso di traduzione in 30 Paesi.

 

Booktrailer

 

 

Recensione

 

Il momento esatto in cui ho terminato LA COPPIA PERFETTA ho provato un malessere misto a sollievo. Ho ponderato parecchio perché non sapevo se il libro mi fosse piaciuto o meno. Cherry è una tipa di pancia, i contenuti possono essere un filo scarsi, ma se l’emozione è presente allora #fottesega.
Per cui mi sono presa un paio di giorni per digerire.
Non ho esattamente parole chiare per dirvi cosa penso. Oggettivamente l’autrice è stata bravissima nel far quadrare tutto. La storia è piena di dettagli che poco per volta danno senso alla vicenda, piccole mollichine di pane che ci portano dritte nella tana del lupo.
Forse, memore del dark romance che spopola e vola verso l’infinito e oltre, è come se gli psicopatici fossero tollerabili alla fine della fiera. Ecco, qui scordatevelo. NCS, non ci siamo.
Grace è un donna trentenne single. Sulle sue spalle pesano un lavoro remunerativo ma stressante, e una sorella adorata, Millie, con la sindrome di Down. Trovare un uomo che non scappi di fronte all’impegno fisso della sorella è difficile. Finché non incontra Jack.
Jack è la perfezione. Scapolo senza ex mogli o figli, bello e soprattutto un gentiluomo di altri tempi come non se ne vedono più. Ma soprattutto, Jack adora Millie.
Non sembra vero. Il principe azzurro finalmente è arrivato.
Trovata l’anima gemella, Grace si innamora perdutamente e gli dona tutta se stessa: i due convolano a nozze ma un incidente di percorso allontana le due sorelle. Sicuri che si tratta solo di questo?
Grace è la moglie perfetta all’interno della coppia perfetta che vive in una casa perfetta. Jack è il marito perfetto con un lavoro perfetto ed una vita perfetta. Tutto troppo perfetto forse?
Scordatevi la bella facciata e siate pronti a diventare quel povero pesciolino rosso che dalla festa di paese viene portato a casa in un sacchetto di plastica con un bicchiere d’acqua. Vi mancherà l’aria, vi sentirete angosciate, odierete la situazione di Grace e la sua impotenza scatenerà il demonio che c’è in voi. Però tutto ha un senso. Ma voi lo scoprirete solo alla fine.
Leggere questo libro è stato come fare un viaggio in metropolitana, nell’ora di punta d’estate, con la costante puzza d’ascella sotto al naso. Leggere le ultime pagine, è stato invece il percorso dalla metro all’aria aperta, dove finalmente sono tornata a respirare di nuovo aria pura.
Se questo thriller doveva darmi le emozioni che ho provato, signora Paris, ha fatto Bingo.
Non il mio preferito, ma è indiscutibilmente ben fatto.

 

 

Giudizio:


Sensualità: –

Violenza:

♦ Cherry ♦

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: