In-Moral di Naike Ror

In-Moral di Naike Ror

Italia: 2019

Pagine: 318

Protagonisti: Matthew, Kay

Genere: Contemporary romance, M/M

Casa Editrice: Self Publishing

Data di Uscita: 31 luglio 2019

Serie R.U.D.E. #3.6

𝗧𝗲𝘀𝘁𝗮𝗿𝗱𝗶. 𝗖𝗼𝗺𝗯𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗶. 𝗢𝘀𝘁𝗶𝗻𝗮𝘁𝗶. Matthew Carter, lo scout di cheerleaders e Kay Morgan, il vicepresidente dei Miami Dolphins, vivono esistenze agli antipodi, anche se ad accomunarli c’è la tenacia con cui si fanno la guerra.
Ma se dietro a ogni sgambetto ci fosse qualcosa di diverso rispetto alla morbosa competitività?
Se nascosto sotto l’ennesimo placcaggio ci fosse la rivalsa di sentimenti insabbiati?

𝗞𝗔𝗬

“Erano stati pensieri disonesti, depravati, 𝗶𝗺𝗺𝗼𝗿𝗮𝗹𝗶?
Però me ne fregavo perché quella era la mia dannata orchestra, quello era il mio teatro e quella era la mia platea; se avessi voluto inserire un assolo di chitarra nel bel mezzo di una Turandot, giusto per scandalizzare e prendermi qualche soddisfazione personale, lo avrei fatto senza esitare.
E si fottesse l’etica sul posto di lavoro.”

𝗠𝗔𝗧𝗧𝗛𝗘𝗪

“Kay Morgan aveva toccato tasti senza mai avermi sfiorato, aveva rimesso nel mio stomaco almeno quattro farfalle sgraziate, ma svolazzanti.

Qualcosa di così diverso poteva essere così semplice?
Qualcosa di così inaspettato poteva essere così limpido?
Qualcosa di così 𝗶𝗺𝗺𝗼𝗿𝗮𝗹𝗲 poteva essere così giusto?”

“Qualcosa di così immorale poteva essere così giusto?”

Che figata!

Esordisco con queste parole perché, porca miseria, questo libro è divertentissimo e riuscitissimo!

Inoltre, se me lo avessero dato da leggere senza sapere chi fosse l’autrice, avrei tranquillamente potuto pensare di essere tra i Chicago Stars della SEP. Insomma, la Ror si lancia in un nuovo genere e già è una PRO!

Quando mi è stata proposta la lettura non ci ho pensato due volte, ero proprio curiosa di toccare con mano la storia di Matthew e Kay, ma soprattutto di godermi Naike alle prese con sport e amore MM.

Verdetto finale?

You won, babe!

“Strappai ogni remora dal mio cervello e gettai tutti i dubbi in un posto lontano. Misi al primo posto quello che era il mio volere, quel desiderio che, alla fine, aveva vinto su tutto.”

Con In-Moral si torna in quel di Miami. Matthew ha il suo lavoro di scout di Cheeleader che gli dona gioie, ma che lo tiene parecchio impegnato. Caltha è in procinto di sposarsi per cui tutta la ciurma di fratelli risiede sulle sue spalle. Grazie al cielo ha l’aiuto dell’indispensabile Catalina che gestisce la casa e i fratellini, in sua assenza.

Tutto fila liscio, se non fosse per quel rompicoglioni borioso del capo, tale Kay Morgan, che ha la capacità di mandare in vacca la pazienza di Matthew.

«Nel lavoro, come nella vita privata, quando decido di andare in meta, io raggiungo quella meta. Non importa se devo arretrare di qualche yard, se devo rinunciare al mio volere per arrivare all’obiettivo perché il semplice fatto di vincere rende ogni sacrificio, ogni spintone, ogni livido necessario.»

I battibecchi sono all’ordine del giorno ma, complice una partitella di football, la resa dei conti ha inizio, soprattutto nella sfida della vita: Ricchi viziati vs. Povery.

Tutto sembra semplice, ma così non è. Matthew scopre che il Boss tutto d’un pezzo è gay. Da quel momento la bussola impazzisce: il nord diventa Kay, ma Matthew non ha mai preso in considerazione l’attrazione per gli uomini. Quindi che diavolo sta succedendo?

Peccato che lui abbia a che fare con prendo-tutto-Kay, quindi l’epilogo è praticamente già scritto.

Forse.

“Io rimasi ancora lì: incantato, affranto, turbato. E all’improvviso, terribilmente, felice.”

Eppure, questa volta, Kay ha sottovalutato la testardaggine della sua preda.

Preparatevi una vagonata di pop corn, perché questo libro è fantastico! E porca miseria, quanto sono sexy quando discutono…

“Giochi sporco, Boss…”

“Gioco, Matthew e vinco sempre.”

Un libro consigliatissimo! Divertente, frizzante, intelligente e moralissimo; nella speranza che la chiave di lettura fornita dalla Ror serva ad aprire gli orizzonti dei più bigotti.

E ricordate che nella vita non si sa mai… spalle basse e placcaggio!

Giudizio:

Sensualità:

Cherry

Author: Cherry

Rispondi