Dirty di Kylie Scott

maggio 27, 2018

 

Dirty di Kylie Scott

 

  • Titolo Originale: Dirty
  • Usa, 2016
  • pag. 275
  • Protagonisti: Vaughan, Lydia
  • Casa editrice: Newton Compton
  • genere: Contemporary Romance

 

Serie Dive Bar (1)

 

Una sposa tradita e in fuga si nasconde nella casa di un affascinante sconosciuto…

L’ultima cosa che Vaughan Hewson si sarebbe aspettato di trovare nella casa in cui ha trascorso l’infanzia è una sposina fresca di nozze con il cuore spezzato. Nella sua doccia, per giunta. Lydia Green è combattuta tra il dare fuoco alla chiesa e rintanarsi in un angolino a piangere per sempre. Scoprire che l’amore della sua vita la stava tradendo persino il giorno del suo matrimonio è stato un brutto colpo. Che fosse con il testimone, poi… Il colpo di grazia.
E così è scappata e si è nascosta in quella casa, troppo sconvolta per pensare a cosa avrebbe fatto nel caso in cui fosse tornato il proprietario. Vaughan è l’esatto opposto dell’uomo perfetto e rispettabile con il quale stava per sposarsi. Fa il musicista ma si mantiene con un lavoretto in un bar che gli consente a stento di sbancare il lunario. Eppure fidarsi delle apparenze non l’ha decisamente portata verso la felicità… Tutt’altro. Forse è il caso di cominciare a prendere decisioni col cuore invece che con il cervello. D’altronde che male c’è a lasciarsi un po’ andare?.

Al Dive Bar succedevano cose folli. Del resto, a volte la follia fa bene.

Be’, ragazzi, questo potrebbe essere il mio motto personale o il motto di questo blog!

La follia fa davvero bene a volte, quando la vita rischia di farti diventare troppo serio, troppo coinvolto, troppo preso e troppo incarognito. Un pizzico di follia è come il poco di zucchero con cui Mary Poppins mandava giù la pillola. Sorridi, e la vita ti sorriderà, non suonava così?

I due protagonisti di questo romanzo un po’ folle sono esattamente così, due tipi a cui va tutto storto da un momento all’altro, ma che non per questo decidono di chiudersi nel loro guscio, anzi, sembra quasi dicano  “Peggio di così non mi può andare, provo a sperare in qualcosa di meglio”. E si aprono, con il cuore, con la mente e con… il corpo, all’altro.

Il suo sesso occupava tutto il mio orizzonte visivo. Dovevo assolutamente smettere di fissarlo. Subito.

Vaughan ha un passato di musicista anche di talento, ma finito con parecchi debiti e nessun nuovo contratto all’orizzonte. Lydia è stata tradita nel modo peggiore dall’uomo di cui si fidava e che stava per sposare. Ce ne sarebbe d’avanzo per smettere di essere troppo fiduciosi nel prossimo, giusto?

Invece loro si affidano ancora all’impressione subitanea, all’impulso del cuore, al sentimento di fiducia che nasce quando fanno la conoscenza uno dell’altra. Un po’ svampiti, un po’ ingenui, ma di sicuro sinceri e di una simpatia travolgente, ci trascinano nel loro caos fatto di guai, famiglie sbadate e sbandate, amici vecchi e nuovi che possono anche aver voglia di prenderti a calci nel didietro, ma ti spalleggiano e ti supportano se ne hai bisogno. Insieme a loro conosciamo tutto un microcosmo di personaggi secondari che ci fanno passare ore di lettura col sorriso sulle labbra e il cuore leggero. Per non parlare delle pagine hot, dove il calore sale, sale e sale…

Insomma, questa Scott, anche se non è proprio quella che avevamo conosciuto con la magnifica Lick Series, ci ha convinto e trascinato in mezzo alle chitarre di Vaughan e alle mutandine di pizzo di Lydia, sparse per tutto il cortile di casa … Come me, non potrete evitare di sorridere per tutta la durata del libro.

Patetico, folle, aveva steso il mio cuore zuppo e in un attimo si era già asciugato.

 

Giudizio:

Sensualità:

Violenza: /

 

Navillus

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: