Con te e nessun altro di Sophie Jordan

gennaio 23, 2018

 

Con te e nessun altro di Sophie Jordan

 

  •  Usa, 2014
  • pag. 303
  • Protagonisti: Emerson, Shaw
  • Casa editrice: Newton Compton
  • genere: New Adult, Contemporary Romance
  • data di uscita: 27/08/2018

Serie The Ivy Chronicles (2)

Che cosa succede quando una ragazza a cui nessuno dice no incontra un ragazzo capace di resisterle?

Emerson ha un dono. Sa flirtare, è sempre a suo agio in mezzo alla gente e non ha mai trovato un uomo in grado di resistere al suo sorriso magnetico. Ha solo tre regole ferree da rispettare nella vita: mai mostrarsi vulnerabile, mai innamorarsi, avere il controllo del gioco. Ma poi è arrivato Shaw, così sexy e diverso dai colletti bianchi che Emerson frequenta di solito.

La cosa peggiore è che sembra non essere toccato dal suo fascino. Dopo averla salvata da una brutta situazione in un locale, infatti, non ha nemmeno accennato a provarci. Anzi, l’ha chiamata “civetta” e l’ha spedita a casa. Per Emerson è come aver ricevuto una sfida e adesso la sua missione è farlo cadere ai suoi piedi. Ma per farlo, forse sarà costretta a infrangere tutte le sue regole…

 

Eccoci con il secondo capitolo della serie The Ivy Chronicles di una frizzantissima Sophie Jordan. La trilogia, perché per ora si tratta di tre volumi, coinvolge le tre amiche per la pelle: Pepper, Emerson e Georgia.

Pepper l’abbiamo conosciuta nel primo libro mentre ora tocca ad Emerson.

“Let’s go. I don’t want to keep you from the things you have to do . . . like plan the next crime wave with your biker gang.”
“Sure. And you don’t want to miss your nail appointment.”
I cocked my head. “That’s tomorrow.”

Emerson è la gatta del trio: provocante, sexy ed esperta. Apparentemente però. Perché dietro a tutta questa facciata da mangia-uomini, ci sono tre regole ben delineate che condizionano i rapporti: mai lasciar vedere la vera te, mai innamorarsi e lasciarli sempre pregare per ottenere di più.

Purtroppo, nonostante l’armatura da cavaliere, a volte succede lo stesso di trovare qualche brutto ceffo sulla propria strada…

Una sera si reca in un bar malfamato in compagnia della sua amica di scorta Annie. Un motociclista mica troppo a posto non comprende di non essere compagnia gradita e scoppia una rissa. Fortuna vuole che Shaw, l’unico biker figo del locale, sia presente e riesca a trarla in salvo.

Occhio però perché le gatte graffiano…

Shaw è un Marine in ritiro. Appena vede il casino che sta per succedere nel bar, subito pensa di mettere in salvo questa bellissima ragazza combina-guai. Dopo una notte assieme senza conoscenza biblica, si perdono di vista. Le amicizie comuni però, portano i due a vedersi più volte e qualche spintarella alla Cupido li obbliga a passare più tempo insieme di quanto Emerson sia disposta a fare.
Shaw la attrae, la cattura. Lei lo respinge, non può lasciarlo entrare sotto-pelle, non può gestirlo. Scappare è più semplice. Rifugiarsi nella sua arte è l’unico modo che ha per trovare la forza di ricostruire la corazza.

Shaw però ha un talento: riesce a leggere le persone e capisce che tutta la sicurezza che lei ostenta è pura finzione. Eppure Emerson non cede, non è pronta a rivelare il motivo del suo comportamento, le sue regole sono fondamentali per non crollare e lei ha deciso che non vuole più essere debole.

“You’re scared,” he said quietly.
“Scared?” I scoffed. “Of what?”
“Of anything real. And what we have is real. You love me and it terrifies you.”
“I don’t love you,” I lied.
He grabbed my face then, dragging me closer with both hands. “You love me. I know you do. I know it because I can see it in your eyes . . . in the way you look at me.” He inhaled. “It’s the same way I look at you.”

Purtroppo il passato da cui scappa continua a bussare alla sua porta: Emerson questa volta è costretta ad affrontarlo. Shaw non è intenzionato a tirarsi indietro, il militare che c’è in lui non può che vegliare su di lei, pronto a scattare alla minima intrusione nemica. Di certo Emerson non gli facilita il compito. Riuscirà lei a tener fede alle regole e a non aprire il suo cuore a Shaw?

“Shaw took my hand, his fingers lacing with mine. “Happy?” he asked.
I smiled, my chest swelling with emotion. “More than I ever thought possible.”
He kissed me, murmuring against my lips, “Get used to it. This is only the beginning.”

Giudizio:


Sensualità:


Violenza:

 

♦ Cherry ♦

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: