Charming Devil di IM Another

febbraio 14, 2018

 

Charming Devil di IM Another

 

  • Italia, 2015
  • pag. 406
  • Protagonisti: Emily, Castiel
  • Casa editrice: Self
  • genere: Erotic Romance

 

Serie Charming Devil (1)

 

«Emily, io sono solo un host. Non posso risolvere nessuno dei tuoi problemi. Però posso lenire la tua solitudine, farti sentire meno dolore, almeno per un’ora. Ti basta chiederlo.»

Emily aveva bisogno di soldi, e in fretta. Per questo, in un attimo di disperazione, ha deciso di vendersi a uno sconosciuto per qualche ora. La ferita nel suo orgoglio inizia a bruciare, e la coscienza non accenna a darle pace. Alla ricerca di un rifugio, varca la soglia del Charming Devil, un locale fuori dal comune, gestito da un eccentrico e sadico proprietario.
A prima vista, si direbbe solo un bar un po’ troppo lussuoso, ma in realtà, il Charming Devil è un Host Club: un luogo in cui degli uomini bellissimi vendono la propria compagnia a prezzi esorbitanti.
Castiel è un host, e lo fa ogni giorno, con orgoglio e presunzione. Per lui, è semplicemente normale offrirsi a chiunque possa permettersi di comprarlo.

Emily, insicura e sola, diventa presto il suo passatempo preferito, e finisce trascinata in una relazione fatta di sesso, ossessione e dipendenza.
Di fronte a una realtà tanto distorta, nuovi dubbi si insinuano nella sua mente. È davvero così sbagliato vendersi in cambio di denaro?

 

 

 

 

Recensione

 

Vecchia lettura mai dimenticata. La serie Charming Devil mi ha fatto entrare nel mondo di una giovane autrice molto particolare, semplice, ma magnetica al tempo stesso. Tant’è che ho letto tutti i suoi libri!

Fortunatamente nel mondo dei self ci sono anche autori talentuosi, in grado di creare novità o di rielaborare la solita storia aggiungendo quel particolare tale da rendere fresco il tutto.

Il Charming Devil è un Host Club. Si tratta di un locale di elite, frequentato da donne facoltose e sole dentro. Persone che vogliono sentirsi speciali per quell’ora o semplicemente desiderate. A pagamento, ovviamente.

Gli Host non sono semplicemente dei camerieri infighettati e con charme a palate; sono adulatori, conoscitori dell’universo femminile. Amanti fenomenali e dotati di tutto quello che una donna possa mai desiderare.

Il proprietario del locale è Castiel, affascinante e presuntuoso, freddo e narciso. Odioso quando sveste i panni dell’host ma impeccabile sul lavoro. Conosce il suo potenziale e te lo sbatte in faccia, facendoti cadere ai suoi piedi. Altezzoso e spesso austero, non si lascia avvicinare più di quel tanto che serve per portare a compimento il suo lavoro. Finchè non incontra Emily.

Emily è alla canna del gas. Sola e bisognosa di soldi, decide di vendere il proprio corpo per riuscire a pagare l’affitto di quella catapecchia che è costretta a chiamare casa. Però la sua  dolcezza, unita alla paura onnipresente di fare la cosa sbagliata, fan si che la ragazza fugga a gambe levate da incontri fin troppo pericolosi.

Triste e sconsolata, trova rifugio nel primo bar a disposizione. E che bar. Uomini bellissimi, ambientazione altolocata. Tutto fuori dalla sua portata. Eppure il diavolo che la accoglie offrendole la cioccolata tanto agognata, riesce a farla sentire bene.

Castiel però, è lì pronto a mangiarsela. Appena la vede non riesce a lasciarla in pace e stuzzicarla diventa il suo obiettivo principale. Certo, darle un posto di lavoro come donna delle pulizie può sembrare un gesto caritatevole, viste le condizioni economiche di Emily. Ma non lasciatevi abbindolare dai finti buoni propositi. Il lavoro è massacrante, gli orari sono folli ma Emily ce la fa. E a lui non resta che tentarla col suo fascino, mandando la povera fanciulla ai matti.

«Emily, io sono solo un host. Non posso risolvere nessuno dei tuoi problemi. Però posso lenire la tua solitudine, farti sentire meno dolore, almeno per un’ora. Ti basta chiederlo.»

Castiel non ha però fatto i conti con il boomerang con cui ha iniziato a giocare…

I personaggi di questo libro sono agli antipodi. Tanto odioso lui, quanto fragile lei. Eppure le manovre di Castiel costringono Emily a diventare più forte. Il contorno di finzione data dal tipo di lavoro rendono un po’ freddo il contesto, lasciandoci perplessi riguardo le intenzioni di Castiel nei confronti di Emily. Alla fine lui lo fa di mestiere. Lei però non riesce più a guardarlo con occhi diversi, vuole sperimentare sulla sua pelle il magnetismo di questo diavolo di un host, finendo però dritta nella sua trappola…e forse, trascinandolo con sé.

 

Giudizio


Sensualità:


Violenza:

♦ Cherry ♦

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: