Hai bussato al mio cuore di Brittainy C. Cherry

marzo 8, 2018

 

Hai bussato al mio cuore di Brittainy C. Cherry

 

  • Titolo Originale: The Gravity of Us
  • Usa, 2017
  • pag. 270
  • Protagonisti: Graham, Lucy
  • Casa editrice: Newton Compton
  • genere: Contemporary Romance

 

Serie Elements (4)

L’amore è fatto di momenti indimenticabili

Io e Graham Russell non eravamo fatti per stare insieme. Sono sempre stata una persona sensibile, lui invece è un pezzo di ghiaccio. Sognavo a occhi aperti mentre lui lottava con i suoi incubi. Io piangevo spesso, Graham sembrava non avere lacrime da versare. Ma nonostante le differenze, ci sono stati istanti in cui i nostri occhi si sono incontrati, in cui sembrava sapessimo tutto l’uno dell’altra.

Istanti in cui le sue labbra hanno assaporato le mie paure e io ho respirato il suo dolore. Istanti in cui entrambi abbiamo creduto di sapere che cos’era il vero amore.

Quegli istanti ci hanno illuso di poter avere un po’ di pace. Ma quando la realtà è tornata a scuoterci, siamo precipitati al suolo. Graham Russell non è in grado di amare e io non sono capace di insegnargli come si fa. Eppure, se avessi la possibilità di innamorarmi ancora, mi innamorerei di lui. Un’altra volta. Persino se fossimo destinati a precipitare di nuovo, distruggendoci.

 

 

 

L’essere umano non dovrebbe più sorprendermi, eppure ogni giorno tende a stupirmi con la sua mancanza di intelligenza. Così l’angelo di qualcuno può essere il demone peggiore di qualcun altro.

Questo è l’uomo incapace di provare emozioni, al secolo Graham Russell, scrittore di thriller, protagonista di questo bellissimo romanzo della Cherry.

Copertina Originale

L’oscurità dei tuoi libri mi portava sollievo: sapere che nel mondo esistevano altri tipi di dolore mi aiutava ad affrontare il mio. Stranamente i tuoi libri mi rappacificavano.

E questa è la donna che sentiva tutto, Lucy Palmer, sul viso della quale si può leggere ogni emozione della vita e del mondo.

Lasciò che i sentimenti avessero il totale sopravvento, non trattenne il pianto né il tremore che la scuoteva. Mi sembrava di vederlo, il modo in cui si prendeva sulle spalle tutto il peso del mondo, e quel peso la spingeva piano a terra. Non avevo mai visto una persona abbandonarsi così liberamente alle emozioni… e cercai di non sentire il suono del dolore che stava provando.

 

Due persone non possono essere più diverse di quanto sono Graham e Lucy, eppure i due sono in qualche modo complementari. A Graham mancano la pietà, la comprensione, la dolcezza, la capacità di sorridere e quella di perdonare. A Lucy mancano la cattiveria e l’egoismo, e non sempre questo è un bene, perché ammettiamolo, se sei troppo buono e “perfetto” gli altri ti invidiano, ti detestano, ti odiano e faranno di tutto per farti del male. Quindi la bontà di Lucy è apparentemente una grave debolezza, come nota Graham e cerca di spiegare a lei.

-Chiuditi. Non lasciare che gli altri controllino le tue emozioni.

-Non posso. È questo ciò che sono. Sono la ragazza che sente tutto.

-Allora il mondo farà di tutto per distruggerti. Più concedi di te stessa, più ti verrà richiesto.-

Lei era la ragazza che sentiva tutto, io ero l’uomo che non provava proprio niente.

-Non ti stanca provare così tanto?

-E a te non stanca non provare nulla?

Sono due binari paralleli, che non possono capirsi né incontrarsi. Oppure no?

Comprendere la vera natura di questi due vuol dire leggere questo romanzo dove tutto è assolutamente semplice, ma nello stesso tempo difficilissimo. Entrambi i protagonisti hanno caratteristiche puramente umane, sono le due facce della stessa medaglia, l’alfa e l’omega. Il nero e il bianco. E ci incantano.

Ma non ci sono soltanto Graham e Lucy a tenerci incollati alle pagine. Ci sono le sorelle di Lucy, la buona e la cattiva…, ci sono un padre terribile e disumano, quello di Graham, e due genitori “per scelta”, il professr Oliver e sua moglie, adorabili.

“Hai passato gran parte della tua vita a fare di tutto per evitare di essere felice, ragazzo mio. Quando ti deciderai a liberarti delle catene che ti sei messo addosso tu stesso? La vita è breve e non sai mai quanti capitoli ti restino ancora del tuo romanzo, Graham. Vivi ogni giorno come se fosse l’ultima pagina. Respira ogni momento come se fosse la parola fine. Abbi coraggio, ragazzo. Abbi coraggio.”

E c’è una bambina stupenda, la dolcissima Talon, che è la parte migliore di Graham, la sua luce guida, colei che lo spinge a iniziare a “sentire”.

Cominciai a capirla davvero: le sue emozioni non erano qualcosa che la rendesse debole. Erano piuttosto la sua forza.

Inutile dire a questo punto che questo romanzo mi ha rapita. E’ una di quelle letture che non si dimenticano facilmente e che una volta finite ti lasciano addosso un cappotto di belle sensazioni che ti accompagna e ti scalda per giorni.

Ho amato ogni libro della Cherry, a partire dal primo che è forse quello che mi ha colpito meno a suo tempo, poi è andata in crescendo con questa serie, fino ad arrivare a questo “Hai bussato al mio cuore”, che ho trovato magico.

La Cherry bussa davvero al cuore del lettore e quando lo fa devi solo aprirglielo, te lo riempirà di commozione e d’amore, te lo scalderà e ti renderà più ricco del giorno prima.

Grazie, Brittainy Cherry.

Al prossimo sogno.

È questo che accade con il cuore: quando pensi che sia completamente pieno trovi il modo di fare spazio per altro amore. Amarla non era una scelta, era il mio destino.

Senza pensarci, la strinsi più forte mentre continuava a tremare. La donna che sentiva tutto si avvicinò ancora di più all’uomo che non sentiva assolutamente niente. Per un istante brevissimo, provai un po’ del suo dolore e lei incontrò la mia freddezza, ma nessuno dei due sembrò farci caso.

 

Giudizio

Sensualità

Violenza /

 

Navillus

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: